• linux-archivi-compressione

    Gestione di archivi in Linux: tar, gzip e tgz

    Come gestire gli archivi e i file compressi in Linux: i comandi tar, gzip e i file tgz.

    Gestione di archivi con il comando tar

    Il comando tar (Tape archiver) è uno strumento concepito per la creazione di archivi che contengono file e/o directory all’interno di un singolo file. Il file può essere compresso o meno. Quando un file viene aggiunto dentro il file tar, non viene cancellato il file originale. Non si tratta di uno spostamento ma di una copia.
    La sintassi per la creazione di un file tar è la seguente:

    tar opzioni nomefile pattern

    Le opzioni più usate per il comando tar sono le seguenti:

    • c: crea un archivio
    • f: nome del file archivio
    • t: elenca il contenuto di un archivio
    • x: estrae un archivio
    • v: mostra l’elaborazione
    • j: compressione con bzip2
    • z: compressione con gzip

    Ad esempio, per creare un archivio non compresso, lanciare il seguente comando:

    linux-comando-tar

    Per creare invece un archivio compresso con gzip, lanciare il seguente comando:

    linux-comando-tar-compressione

    In questo modo posso evitare di dover comprimere il file tar con il comando gzip dopo averlo creato. Osserviamo la differenza in termini di occupazione di spazio:

    linux-differenza-spazio-file-compressi

    Per visualizzare il contenuto di un archivio precedentemente creato, ma senza estrarlo, basta lanciare il seguente comando:

    linux-visualizzare-archivio-tar

    Per visualizzare tutte le informazioni dettagliate sui file presenti nel file tar, occorre aggiungere anche il parametro v. In questo modo si attiva la visualizzazione completa (verbosa) del contenuto.

    Per estrarre un archivio, basta lanciare il seguente comando:

    linux-estrarre-archivio-tgz

    L’estrazione sovrascrive gli eventuali files e directory già presenti nella directory di destinazione che hanno lo stesso nome dei files estratti.

    Gestione di archivi con il comando gzip

    Per creare file compressi con estensione .gz sul sistema operativo Linux si utilizza il comando gzip. La sintassi per la creazione di un file compresso .gz è la seguente:

    gzip nomefile

    Il comando gzip comprime il file facendogli occupare meno spazio su disco. I file compressi hanno l’estensione .gz.

    Supponiamo ad esempio di avere sul file system il file shell.tar, e lanciare il comando seguente:

    gzip shell.tar

    Il file shell.tar viene sostituito dal file compresso shell.tar.gz.

    Una volta compresso, il file zippato può essere decompresso utilizzando il comando gunzip. La sintassi è la seguente:

    gunzip nomefile

    Il comando gunzip decomprime il file riportandolo alla sua versione di origine.

    Giulio Cantali – IT Consultant

    Creatore di Database Master, il primo percorso per diventare esperti di database

Lascia un commento

Se vuoi condividere la tua opinione, lascia un commento

Puoi usare questi tag e attributi: HTML:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code class="" title="" data-url=""> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong> <pre class="" title="" data-url=""> <span class="" title="" data-url="">